CNU 2017, giorno 7 - i cecchini centrano medaglie, basket buona la seconda, scherma di bronzo

Il settimo giorno di CNU 2017 incominciano a piovere medaglie. Tiro a segno e scherma regalano gioie sia nell'individuale sia nella classifica a squadre. Il basket prosegue la sua striscia vincente con il secondo successo in due gare. L'atletica è atterrata a Catania e si scalda per la prima giornata di finali in programma domani pomeriggio. Il CUS Milano è carico per il rush finale!

SCHERMA

La delegazione rappresentata dalla coppia Lodetti-Serto regala due bronzi in una giornata caratterizzata dalla sciabola. Greta Marini, studentessa del Politecnico di Milano, sale sul terzo gradino del podio della sciabola femminile grazie a una prestazione sopra le righe. Sbrigata la pratica Borza (CUS Salerno) ai quarti, nulla può in semifinale contro la più quotata Ponti (CUS Bologna) poi vincitrice della categoria. Filippo Caminiti bronzo nella sciabola maschile dietro a Tricarico (CUS Foggia) e Foschini (CUS Roma) grazie a una prova di carattere e personalità.

 

TIRO A SEGNO

Pioggia di medaglie dai cecchini del tiro a segno. Si parte con l'oro per la carabina a squadre e col bronzo per la pistola a squadre. ottimo risultato per la delegazione milanese che ottiene medaglie anche in campo individuale. Gianluca Soldavini vince un meritato bronzo nella carabina maschile 10 metri dietro agli extraterrestri Matraxia (CUS Catania) e Capano (CUS Foggia). Bronzo per Saverio Spagnoli (pistola 10 metri) che sa di argento. Il secondo posto era a portata di tiro per il milanese che però spreca all'ultimo colpo sparando un 8.6; secondo Lapenda (CUS Foggia), primo Grimaldi (CUS Napoli).
Il tiro a segno si fregia anche del titolo di Rappresentanza dimostrando di essere il CUS migliore per quantità e qualità.

 

BASKET

Seconda partita del girone per la pallacanestro di Finkelberg...e seconda vittoria. Questa volta la vittima è CUS Brescia che perde di 12 punti (64-52). La sfida di domani, terzo match del calendario, contro CUS Parma sarà pura formalità visto che i cestisti meneghini sono aritmeticamente primi del girone.
I giocatori in doppia cifra sono stati Fumagalli (14 punti e 9 rimbalzi), capitan Todeschini (13 punti) e Brambilla (12 punti), con nota di merito per Di Rauso che ha raccolto 12 rimbalzi. Il distacco tra le due squadre ha raggiunto anche il +17, frutto delle palle rubate e delle scelte affrettate offensive da parte di Brescia.
Coach Finkelberg a fine gara si dichiara più che soddisfatto: "Il fatto che oggi abbiamo mantenuto gli avversari a 52 punti è importante, perché in tornei come questo vince la squadra con la migliore difesa. Domani contro il CUS Parma farò giocare i ragazzi che non hanno giocato tanto, per averli tutti freschi per la semifinale di sabato".