EUC Rugby 7s, seconda giornata di gare

Seconda giornata dolceamara per i colori del CUS Milano a EUC Rugby 7s, i Campionati Europei di rugby a 7 in corso di svolgimento al Centro Sportivo Giuriati di Milano. Se per le ragazze di Franco Diena arrivano due sconfitte – contro le ben più attrezzate compagini di Barcellona e Parigi – gli uomini guidati in panchina da Gianluca Ragusi totalizzano una vittoria – in rimonta contro Coimbra – e due sconfitte – contro le favorite per la vittoria finale, Kuban e Tbilisi.
Alla vigilia della giornata conclusiva di gare, il bilancio per Milano è comunque positivo, con le ragazze che saranno impegnate domattina nell’ultimo match del loro torneo, mentre gli uomini possono ambire a posizioni di rilievo: decisivo sarà il match delle ore 12 di domenica, contro i rumeni di Bucarest. Per la vittoria finale, sembra una corsa a 3: accanto ai grandi favoriti di Tbilisi – Campioni uscenti - le sorprese Kuban e Rennes, squadre autrici di un torneo superlativo fino a questo momento e pronte a dare filo da torcere ai georgiani fino all’ultima meta.

Al termine della giornata il Presidente Alessandro Castelli si è ritenuto molto soddisfatto della impeccabile organizzazione di un torneo internazionale da parte del CUS Milano.

- CUS Milano ha organizzato questo torneo internazionale sotto l’egida di EUSA, che importanza riveste questa esperienza per il CUS?
“Abbiamo scelto di fare questa esperienza per seguire l’ambizione internazionale delle nostre Università che sempre più si stanno aprendo agli studenti europei ed extraeuropei, anche lo sport deve seguire questa apertura nel solco delle nostre Università che sempre più diventano internazionali.”

- Due squadre milanesi partecipano a questo torneo, la rappresentativa maschile sta andando abbastanza bene e ha la possibilità di raggiungere la finale per il 3° - 4° posto, quella femminile paga la mancanza di 4 giocatrici di alto livello convocate in Nazionale. Al di là dei risultati come giudica l’esperienza che queste ragazze stanno facendo?
“Per le nostre ragazze si tratta di una prima esperienza di alto livello di cui devono far tesoro. I risultati non positivi non ci devono sorprendere, questo torneo rappresenta sicuramente un momento di crescita di cui sapranno far tesori. La cosa molto bella è che entrambe le nostre rappresentative hanno giocatori provenienti da tutte le Università di Milano, un bel mix del nostro mondo universitario che è molto vasto. La squadra maschile affronta una sfida agonistica molto dura vedremo domani con l’ultima gara di qualificazione in quale finale riusciremo ad accedere se in quella per il 3° - 4° posto o, più probabilmente, in quella per il 5° - 6°.”

- Questa esperienza in ambito organizzativo potrà essere ripetuta fra qualche anno per i mondiali di rugby del 2020?
“L’organizzazione di questo prestigioso torneo rappresenta una esperienza importante per una eventuale candidatura per i mondiali 2020 che verranno assegnati dalla FISU e non da EUSA. Certamente annoverare fra le esperienze l’organizzazione di un Campionato Europeo è un buon punto di partenza.”

 

Torneo Maschile

UNIVERSITY OF MILAN – UNIVERSITY OF COIMBRA 19-17
Gara dai due volti per la rappresentativa milanese contro i portoghesi di Coimbra. La squadra di Ragusi, nel primo tempo, praticamente non scende in campo e subisce un parziale di 0-12 in virtù delle mete di Ribeiro Pais Pinto (che trasforma), e Tavares. La ripresa si apre con una marcatura di Aguiar Salgue che porta il parziale a 0-17. Al 1’30” del secondo tempo entra in campo Edoardo Cederna in sostituzione di Corrado Colombo e trova la meta che dà la sveglia. Due minuti più tardi è Renato Borzone a segnare e trasformare, Milano si porta sul 12-17. A meno di due minuti dallo scadere è ancora Cederna a schiacciare in meta, Borzone trasforma ed è sorpasso. I portoghesi hanno una reazione d’orgoglio e schiacciano i nostri nei 22 metri ma la difesa alza il muro e per i portoghesi non c’è nulla da fare, emozionante vittoria per Milano!

UNIVERSITY OF MILAN - KUBAN STATE UNIVERSITY 12-26
Milano esce sconfitta a testa alta contro una delle pretendenti al titolo. Milano parte forte e va subito in meta con Cederna, Borzone trasforma. Squadra fisica, organizzata e rodata quella russa che assorbe il colpo e reagisce siglando tre mete (due trasformate) prima dell’intervallo, squadre al riposo sul 7-19. Nella ripresa Kuban si porta sul 7-26 prima di subire la meta di Cederna che fissa il risultato sul 12-26 finale.

UNIVERSITY OF MILAN – GEORGIAN NATIONAL UNIVERSITY 7-24
Una buona prestazione per Milano contro la squadra favorita del torneo. La meta di Anzor Sichinava apre le marcature dopo poco più di tre minuti di gioco. Prima dell’intervallo Marco Ferrari pareggia i conti e la trasformazione di Borzone permette alla squadra di casa di andare all’intervallo in vantaggio per 7-5. Nella ripresa i Georgiani fanno valere la superiorità fisica mercando 3 mete e chiudendo la gara con una vittoria che consolida il primo posto in classifica.

 

Torneo Femminile
Continua l’esperienza per la squadra femminile che mostra incoraggianti segnali di crescita. Ottimo lo spirito di gruppo e l’attitudine alla competizione mostrata dalle atlete di Milano.

UNIVERSITY OF BARCELONA - UNIVERSITY OF MILAN 19-0

UNIVERSITY OF MILAN – UNIVERSITY OF PARIS13  0-41