Sport e Università - Realtà e Progetti, il CUS Milano a Palazzo Marino

Sala Alessi, Palazzo Marino. Una location fantastica per un incontro carico di novità targate CUS Milano. Martedì 20 settembre, in occasione della Giornata Internazionale dello Sport Universitario e del 70° anniversario della fondazione del CUS Milano, alle ore 17.00 la prestigiosa Sala del Palazzo del Comune di Milano ha ospitato la Tavola Rotonda “Sport e Università – Realtà e Progetti”.

Il giornalista Filippo Grassia, conduttore della serata, ha aperto la Tavola Rotonda dando il benvenuto ai presenti e introducendo il primo relatore: il Direttore Centrale del Settore Sport al Comune di Milano, Dario Moneta. “I numeri del CUS Milano sono importanti, la sua potenza nella gestione dello sport è davvero grande. Lavorando insieme, CUS Milano, Comune e amministrazioni possono gestire gli impianti in modo grandioso; unendo le forze la città di Milano può ampliare al meglio la situazione dell’impiantistica sportiva”.

Per una panoramica dei numeri del Centro Sportivo Universitario milanese, non poteva che essere il Presidente Alessandro Castelli a prendere la parola: “Nella città di Milano ci sono più di 200.000 studenti, le Università milanesi sono all’avanguardia nel panorama nazionale e europeo. Il CUS Milano ogni stagione offre agli studenti la possibilità di praticare sport a livello amatoriale o agonistico. Anno dopo anno l’impiantistica sportiva universitaria si arricchisce sempre di più, l’impegno economico e di risorse umane che il CUS sostiene ogni stagione è alto, ma rappresenta una soddisfazione unica nel suo genere”.

E’ stata poi la volta dei delegati dei Rettori delle Università di Milano, che hanno descritto la realtà attuale dell’impiantistica sportiva universitaria e i progetti futuri di rinnovamento e ristrutturazione: Costantino Corradini per l’Università degli Studi di Milano, Francesco Calvetti per il Politecnico, Francesco Nicotra per l’Università degli Studi di Milano Bicocca, Mario Gatti per l’Università Cattolica del Sacro Cuore, Stefano Zorzoli per l’Università Commerciale Luigi Bocconi, Luca Barbarito per la IULM e Massimiliano Laganà dell’Humanitas University, new entry nel panorama degli Atenei milanesi.

70 anni di storia del CUS Milano, scanditi anche da eccezionali risultati di atleti che hanno vestito negli anni la maglia verdeblu: la Tavola Rotonda si è conclusa con le premiazioni delle eccellenze sportive cussine. Ad introdurre le premiazioni, il Presidente Onorario del CUS Milano Renato Tullio Ferrari, che si è soffermato sull’importanza della dual career degli studenti-atleti: “Lo sport, oltre a formare pienamente uno studente, insegna valori quali fair play, competizione, sacrificio. Oggi noi celebriamo un doppio anniversario: la Giornata Mondiale dello Sport Universitario e i 70 anni del CUS; davanti a noi c’è il futuro, abbiamo ancora molte pagine da scrivere“.

La maglia del CUS è stata onorata, negli anni, da molti atleti di caratura internazionale, che hanno partecipato a Olimpiadi, Mondiali e Coppe Europee: Clara Mochi (scherma), Dino Boselli (basket), Franco Properzi Curti (rugby), Daniela Zini (sci), Claudia Giordani (sci), Carlo Grippo (atletica), Mauro Zuliani (atletica) e Eleonora Giorgi (atletica) sono stati premiati per i successi conseguiti nello sport universitario con la maglia del CUS Milano.


Le note del Gaudeamus Igitur, inno internazionale degli studenti universitari, hanno salutato i presenti e concluso una serata davvero speciale.